Cerca nel sito

Altri brani da Il Club dei Vedovi Neri

Altri brani di questo genere

    • Ossànema
    • Ossànema
    • Spallicci - Martuzzi
    • Spallicci - Martuzzi
    • Spallicci - Martuzzi
    • Frezzato / Frezzato
    • Frezzato
    • Frezzato

Visualizza altro

Immagini

Il violinista

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
CompositoreIl Club dei Vedovi Neri
Autore testiFrancesco Casarini
EsecutoreIl Club dei Vedovi Neri
Data esecuzione01/01/2010
Luogo esecuzioneCastello di Piagnano
RaccoltaDodici Storie Nere
EtichettaC.P.S.R
ProduttoreIl Club dei Vedovi Neri
Data di pubblicazione20/04/2010
GenereWorld Music / Folk
ProvenienzaIl Club dei Vedovi Neri
LicenzaTutti i diritti riservati
Aggiungi al MagPlayer

Abita ai confini del paese e del destino 
Divide la sua vita tra il bicchiere e il suo violino 
Di giorno beve e dorme, consumato dal tormento 
Ma quando cala il buio fa cantare il suo strumento 

Le strade e le finestre attraversate da ogni nota 
Accende il desiderio su ogni bocca che si svuota 
Di parole e baci perché ama e sa ascoltare 
Le donne del paese lo vorrebbero all'altare

La via che le conduce accanto a lui per la navata 
Non prevede velo, abiti bianchi, è sola andata 
Le notti consumate con chi ha già la fede al dito 
Le scrive con il sangue come fosse il suo spartito

I vedovi non sanno dare pace al loro cuore 
In troppi hanno già perso in una sera il loro amore 
Le raccomandazioni a cui le mogli sono sorde 
Non riescono a salvarle, dalla stretta delle corde 

Le corde del violino accarezzate dall'archetto 
Le spingono a raggiungere il maestro nel suo letto 
Ma quelle stesse corde dalle chiavi allontanate 
Stringono le gole delle donne da lui amate

La via che le conduce accanto a lui per la navata 
Non prevede velo, abiti bianchi, è sola andata 
Le notti consumate con chi ha già la fede al dito 
Le scrive con il sangue come fosse il suo spartito

Commenti

Questo brano ha

Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 12 gennaio 2011
modificato:martedì 8 maggio 2012