Cerca nel sito

Esplora>Compositori

Brani di György Kurtág

Visualizza altro

Altri brani di questo genere

    • Helmut Lachenmann
    • Helmut Lachenmann
    • Helmut Lachenmann

Visualizza altro

György Kurtág

(Lugoj, 19 febbraio 1926)

Musicista ungherese di origine rumena, György Kurtág compie i suoi studi al Conservatorio di Budapest, segue corsi di perfezionamento a Parigi con Darius Milhaud, Olivier Messiaen e M. Stein. È stato professore di pianoforte e di musica da camera prima al Conservatorio, poi alla Scuola superiore di musica di Budapest.

Erede della musica seriale, Kurtág ne sintetizza gli aspetti fondamentali espressi da Arnold Schönberg, Alban Berg e Anton Webern, che consistono principalmente nell'impiego di testi adottati per formare la struttura musicale, secondo la tradizione espressionista; nella sistemazione dei parametri del linguaggio musicale, in base a una filiazione dalla dodecafonia e nello stesso tempo dalle tecniche esoteriche quattrocentesche; nel rifiuto della ripetitività mediante la concisione aforistica.

Nella sua produzione, quantitativamente ristretta, prevalgono composizioni cameristiche (Quartetto op. 1, 1959; Quintetto per fiati op. 2, 1959; Hommage à András Mihály op. 13dodici microludi per quartetto, 1977) e vocali-strumentali (I detti di Peter Bornemisza op. 7, 1963-68; Quattro canti su poesia di Janos Pilinszky op. 11, 1975; Messaggi della fu demoiselle R.V. Trussova op. 17, 1976-80; Scene di romanzo op. 19, 1981-82).

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
Fonte: www.treccani.it
Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 10 dicembre 2014
modificato:mercoledì 10 dicembre 2014