Cerca nel sito

Altri brani da Cantodiscanto

    • Roberto Bartoli
    • Roberto Bartoli
    • Roberto Bartoli

Visualizza altro

Altri brani di questo genere

    • Alessandro Zacheo - fisarmonica
    • Alessandro Zacheo - fisarmonica

Visualizza altro

Immagini

Pizzica di San Vito

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
CompositoreAnonimo / Cantodiscanto
Autore testiAnonimo / Faisal Taher
EsecutoreCantodiscanto feat. Faisal Taher
Data esecuzione30/10/2010
Luogo esecuzioneBologna
RaccoltaTutto il mondo è paese
ProduttoreAss. Cult. Medinsud
Data di pubblicazione2010
GenereWorld Music / Musica Popolare
ProvenienzaCantodiscanto
LicenzaTutti i diritti riservati
Aggiungi al MagPlayer

 

 

La pizzica è la danza sul tamburello per guarire dal mitico morso della tarantola (uno stato di trance rituale). Quella di San Vito presenta una particolarità: si credeva che il tarantato, se morso dal ragno in acqua, potesse guarire dalla crisi solo  se il ballo si fosse svolto in acqua. Il testo parla di un innamoramento nei confronti di una donna forse già impegnata che attira  a sé  l’amante coi suoi sospiri. L’amante maledice chi parla male di loro: ”occhio per occhio, possano perdere gli occhi e scoppiargli il cuore.”

 

 

(trad. dall'arabo: i ricordi d'amore dell'amata, vivono sempre nel cuore fanno rivivere il passato come fosse oggi)

 

 

 

Non c'era da vinì, non c'era da vinì,

non c'era da vinì e so' vinutu,

so' li sospiri tua, so' li sospiri tua,

so' li sospiri tua

m'hannu chiamatu.

 

Ah uellì, mu lu vecu ti vinì,

mu lu vecu ti nchianà,

mi ta la manu e si ni va.

Ah uellì, mu lu vecu ti vinì

mu lu vecu ti nchianà,

mi ta la manu e si ni va.

 

E sì cchiù bella tu, e sì cchiù bella,

e sì cchiù bella tu ti na cirasa,

iata all'amori tua, iata all'amori tua,

iata all'amori tua quannu ti vasa.

 

Ah uellì uellì uellà,

la pacchianella mea

quannu chiamu ata vinì.

Ah uellì uellì uellà,

la pacchianella mea

quannu chiamu ata vinì.

 

Ti li capelli tua, ti li capelli,

ti li capelli tua so nnamuratu,

li vecu ti vulà, li vecu ti vulà,

li vecu ti vulà ntallu vientu.

 

Occhi cu occhi,

cu deggi perdi l'occhi,

a ci tici mali nuestru scatta lu cori.

Occhi cu occhi,

cu deggi perdi l'occhi,

a ci tici mali nuestru scatta lu cori.

 

Ah uellì uellì uellà,

quanta chiù paroli tini,

no mi n'agghia nnamurà.

Ah uellì uellì uellà,

quanta chiù paroli tini,

no mi n'agghia nnamurà.

 



(trad. dall'arabo: Sei il ritratto più bello che offre la natura)

 

Non c'era da vinì, non c'era da vinì,

non c'era da vinì e so' vinutu,

so' li sospiri tua, so' li sospiri tua,

so' li sospiri tua

m'hannu chiamatu.

 

Ah uellì, mu lu vecu ti vinì,

mu lu vecu ti nchianà,

mi ta la manu e si ni va.

Ah uellì, mu lu vecu ti vinì

mu lu vecu ti nchianà,

mi ta la manu e si ni va.

 

 

 

 

 

Commenti

Questo brano ha

Proprietà dell'articolo
creato:martedì 20 dicembre 2011
modificato:martedì 20 dicembre 2011