Cerca nel sito

FreeZone>Max Arduini

Altri brani da Max Arduini

Visualizza altro

Altri brani di questo genere

    • Maurizio Minardi
    • Maurizio Minardi / Maurizio Minardi / Maurizio Minardi / Maurizio Minardi / Maurizio Minardi / Maurizio Minardi
    • Maurizio Minardi
    • Simone Tirelli
    • Simone Tirelli
    • Simone Tirelli
    • Raffaele Tiseo - arrangiamenti / Raffaele Tiseo - arrangiamenti / Raffaele Tiseo - arrangiamenti
    • Raffaele Tiseo - arrangiamenti / Raffaele Tiseo - arrangiamenti
    • Raffaele Tiseo - arrangiamenti

Visualizza altro

Immagini

Sul col du Galibier - 2014

Max Arduini & The BandHits

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
CompositoreMax Arduini / Max Arduini
EsecutoreMax Arduini / Max Arduini
GenerePop / Musica Leggera
ProvenienzaMax Arduini
LicenzaTutti i diritti riservati
Aggiungi al MagPlayer

Titolo album: Patchwork Playing (2014)

SUL COL DU GALIBIER 

Max Arduini 

 

 

 

Moralismo mercificante

sulla rosa faccia di bronzo

Ho una cura per questi ometti

scribacchini sciacalli di turno

 

Sui pedali, sull’arte di Marco

lo scatto preciso

che sport disumano

Le mani, la hola nel giro d’Italia

la Francia in salita è doppia vittoria

Non farmelo dire che questa è la storia

ti vedo a fatica salir sulla soglia del cielo più su

Sul col du Galibier.

 

Riflettori sempre accesi

che riflettono come i miei coglioni

Quanta carta stampata a casaccio

con la forza strappato al ciclismo.

 

Poi Campiglio, l’accusa, dopato

ma dopo le accuse sedotto e lasciato

Alla recita accesa di quel rotocalco

che candido forse non è cosi tanto

Ma fammelo dire sei stato bersaglio

di tutto il sistema, ciclismo corrotto!

E allora che fai?

 

Uno scatto solitario

in quella Rimini d’inverno

Sono il muro imbrattato

come un nervo accavallato

E non c’è scatto di gregario

che ti aiuti in questo affondo

E non c’è mano di massaggio

che massaggi così in fondo

 

Sono lacrime acerbe sconnesse

coccodrilli professori della gogna

Come se qui nessuno non sapesse

che qualcuno ha deciso quella sorte.

 

In un punto preciso, all’apice, il giro

il tour, la bandana, pirata, salite, giornali, scommesse

il mostro dopato, la droga, la gente riversa per strada

l’amore, l’ingiuria sul grande campione

Che fa ben rumore

nel punto più alto che c’è

Sul col du Galibier

 

Uno scatto solitario

il tuo nido dal ripido abbaglio

Una luce si staglia sul volto

la discesa e il tuo stile in affondo.

 

Sulla ruota di dietro, col culo distesa

poi nonno Sotero, il mare in burrasca

non ferma un pirata raggiunta la vetta

nemmeno lo scontro frontale, la curva

ma dopo diverse salite e discese

Diventa complesso

rialzarsi dal fondo così…

 

Ma tu sei ancora lì…

sul col du Galibier!

 

 

Video

Commenti

Questo brano ha

Proprietà dell'articolo
autore:Max Arduini
creato:venerdì 6 giugno 2014
modificato:sabato 10 ottobre 2015