Cerca nel sito

FreeZone>Blastema

Altri brani da BLASTEMA

Visualizza altro

Altri brani di questo genere

    • Fabio Morsiani
    • Fabio Morsiani
    • Fabio Morsiani

Visualizza altro

Immagini

Pensieri Illuminati

Pensieri Illuminati è la canzone che dà il titolo all’album inizia con due note che se non hai pazienza ritiri in ballo i Muse. La voce però dice di sé e rivendica originalità. Semmai si avverte un gusto progressive di certa PFM riverniciata, ma la cosa bella è che secondo me un remix della canzone le permetterebbe di diventare una hit da discoteca. Questo accadrebbe nell’ostello del villaggio globale che mangia e sputa nel piatto del fast food musicale dei nostri giorni. Del resto se le margherite esplodono nei muri la meraviglia va cercata come le consonanti nelle aiuole. Ennesimo bridge drammatico del piano, la voce è in primo piano. Il testo è spettacolare. Ed io sono qui a dirlo. “Un uomo si risveglia ancora vivo maledicendo il giorno ed il suo arrivo”. Fine. Applausi. di Roberto Miano

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
CompositoreAlberto Nanni - Blastema
Autore testiMatteo Casadei
EsecutoreBlastema
Data esecuzione01/01/2009
Luogo esecuzioneForlì
RaccoltaPENSIERI ILLUMINATI
Etichettaautoprodotto
Produttoreautoprodotto
Data di pubblicazione12 aprile 2010
GenereRock
ProvenienzaBLASTEMA
LicenzaTutti i diritti riservati
Aggiungi al MagPlayer

Pensieri illuminati da poca luce
nei cuori tutti sanno
nessuno dice

e con giudizio

i campi fanno pace sopra le mine
un passo dopo un passo
fino alla fine

e con giudizio

esplodono tra i muri le margherite
licenze non ammesse
piccole vite

un uomo si risveglia ancora vivo
maledicendo il giorno
ed il suo arrivo

Pensieri Illuminati è la canzone che dà il titolo all’album inizia con due note che se non hai pazienza ritiri in ballo i Muse. La voce però dice di sé e rivendica originalità. Semmai si avverte un gusto progressive di certa PFM riverniciata, ma la cosa bella è che secondo me un remix della canzone le permetterebbe di diventare una hit da discoteca. Questo accadrebbe nell’ostello del villaggio globale che mangia e sputa nel piatto del fast food musicale dei nostri giorni. Del resto se le margherite esplodono nei muri la meraviglia va cercata come le consonanti nelle aiuole. Ennesimo bridge drammatico del piano, la voce è in primo piano. Il testo è spettacolare. Ed io sono qui a dirlo. “Un uomo si risveglia ancora vivo maledicendo il giorno ed il suo arrivo”. Fine. Applausi. di Roberto Miano

Commenti

Questo brano ha

Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 29 settembre 2010
modificato:mercoledì 29 settembre 2010