Cerca nel sito

FreeZone>Macola

Altri brani da Macola

Visualizza altro

Altri brani di questo genere

    • Eua
    • Coro Amarcanto / Coro Amarcanto / Coro Amarcanto
    • Coro Amarcanto

Visualizza altro

Un gran ben

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
CompositoreMazzola Marcello
EsecutoreMacola e Vibronda
GenereWorld Music / Folk
ProvenienzaMacola
Aggiungi al MagPlayer

E' la storia di un cantante famoso e la sua donna: i 2 si amano ma lei è spesso gelosa e finisce che si lasciano.
Canzone triste ed esilarante nel contempo, un esperimento dialettale.

Un  gran ben
© M.Mazzola

N’enca incun l’è un de che e cmenza mel
an so sel ta’je in te zarvel
parchè par dì zert robi uj vo curaz
ta me stof sal tu stori de caz.

E t’am di che quèla l’am guardeva
e t’am di che cleta l’am fiseva
ma me ca n’ho fat gnent parchè a so e tu murous
saj pos fè sa so un cantent famous

E me caj’ho pazinzia e me cat voi un gran ben
dal volti at mandareb sa un chilz in te casein
un pasa un de e una nota senza al tu cazedi
amore mio mi guardi e non mi vedi.

La zenta l’am saluda cun la mena
al doni e pè cagl’jepa sempra fena
la coulpa la n’è mia sa so nasù csè bel
ma me a voi stè sa te un po tranquel.

ca’n pos piò gnienca scor cun al mi amiratrici
parchè te dop t’am fe dal cicatrici.

E me caj’ho pazinzia e me cat voi un gran ben
dal volti at mandareb sa un chilz in te casein
in pasa un de e una nota senza al tu cazedi
amore mio mi guardi e non mi vedi.

E temp dal zezli l’è finei
e tra tot al doni te t’an ci cla mej
e po t’amm fe sta storia e t’at incaz par gnient
c’ut venga un azident…

A n’hò piò pazinzia
a n’ho piò un gran ben
ades t’po n’enca scor c’at mand in te casein
un paseva un dè e una nota
senza al tu cazedi
amore mio mi guardi e non ci credi.

 

Traduzione

Un gran bene

Anche oggi è un giorno che  comincia male
non so cos'hai in testa
perchè ci vuole coraggio a dire certe cose
e sono stufo delle tue storie senza fondamento.
E mi dici che quella ragazza mi guardava
e mi dici che l'altra mi fissava
ma  mai ho ceduto a queste lusinghe sapendo
di essere legato a te
ma posso farci niente se sono un cantante famoso.
io sono paziente e ti voglio un gran bene,
ma a volte ti manderei in malo modo da un'altra parte
non passano un giorno e una notte
senza le tue paranoie
amore mio mi guardi e non mi vedi
La gente mi saluta con la mano
le donne sembra che abbiano sempre "fame"
che colpa ne ho se sono attraente
voglio solo stare in pace con te
ma non posso neanche conversare con le ammiratrici
perchè dopo mi procuri cicatrici.
il tempo delle giuggiole è finito
e tra le donne non sei la migliore
e ora te ne esci con un'altra storia e
ti arrabbi per niente
ti possa capitare una giornata poco fortunata

io che sono paziente e ti voglio un gran bene
adesso puoi parlare  perchè ti lascio
non passavano un giorno e una notte
senza le tue paranoie,
amore mio mi guardi e non ci credi.

Commenti

Questo brano ha

Proprietà dell'articolo
creato:giovedì 7 novembre 2013
modificato:lunedì 11 novembre 2013