Cerca nel sito

Esplora>Compositori

Brani di Krzysztof Penderecki

Altri brani di questo genere

    • nicola bagnoli
    • nicola bagnoli
    • nicola bagnoli

Visualizza altro

Krzysztof Penderecki

(Debica-Polonia, 23 novembre 1933)

Krzysztof Penderecki, il più noto compositore polacco della sua generazione, nelle sue opere ha ricercato la sintesi tra il linguaggio dell'avanguardia e quello della tradizione. Ha scritto musica da camera e per strumento solista, pagine sinfoniche e corali, incluse opere teatrali e oratori.
Tra le composizioni più importanti figurano Trenodìa per le vittime di Hiroshima (1960), La Passione di San Luca (1966), Dies irae (1967), Utrenja (1970-1971), Cosmogonia (1970); le opere teatrali I Diavoli di Loudun (1968-1969), Il Paradiso Perduto (1976-1978), La Maschera Nera (1984-1986), Ubu Rex (1990-1991), Un Requiem Polacco (1980-1993).

Tra le composizioni strumentali si distinguono la Sinfonia n.1 (1972), n.2 (1980), n.3 (1995), n.4 (1989), n.5 (1992); il Concerto per violino n.1 (1977) e il Concerto per violino n.2 (1992-1995), rispettivamente dedicati a Isaac Stern e Anne-Sophie Mutter; il Concerto per violoncello n.2 (dedicato a Mstislav Rostropovič, 1982), il Concerto per flauto, scritto nel 1992 per Jean-Pierre Rampal; la Sinfonietta per archi (1992).

Nel 1996 ha scritto su commissione l'oratorio I Sette Cancelli di Gerusalemme, eseguito in occasione delle celebrazioni per i tremila anni della fondazione della
città santa e nel 1998 ha scritto l'oratorio Credo, diretto da Helmut Rilling in prima assoluta nel giugno del 1998 al Bach Festival (Oregon).

Krzysztof Penderecki ha iniziato a dedicarsi alla direzione d'orchestra nel 1972. Ha collaborato con molte orchestre europee, americane e giapponesi, tra cui la London Symphony Orchestra, la Sinfonia Varsovia, la Philadelphia Orchestra, la New York Philharmonic Orchestra, la NHK di Tokyo e l'Orchestra Filarmonica di Osaka. È stato direttore artistico del Pablo Casals Festival a San Juan (Porto Rico).

Intensa anche la sua attività in ambito didattico, con incarichi pluriennali presso l'Accademia di Musica di Cracovia, la Volkwang Hochschule für Musik di Essen e la Yale University School of Music.
È membro della Royal Academy of Music di Londra, dell'Akademie der Künste di Berlino, dell'Academia Nacional de Bellas Artes di Buenos Aires, dell'Accademia
Internazionale della Filosofia e dell'Arte di Berna, dell'Accademia Polacca delle Scienze, della Royal Irish Academy of Music di Dublino.

Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, tra cui il Premio Mediceo, il Sibelius Award, l'Herder Award, il Jurzykowski Award, il Karl Wolf Israeli Foundation Award e, nel 2004, il Praemium Imperiale. È stato insignito della laurea honoris causa dalle università di Rochester, Leuven, Bordeaux, Belgrado, Poznán, Varsavia, Glasgow e dalla Georgetown University di Washington.

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 14 maggio 2008
modificato:mercoledì 24 febbraio 2010