Cerca nel sito

Esplora>Compositori

Brani di Aleksandr Borodin

Visualizza altro

Altri brani di questo genere

    • Angelo Michele Besseghi
    • Angelo Michele Besseghi / Angelo Michele Besseghi
    • Angelo Michele Besseghi

Visualizza altro

Aleksandr Borodin

(San Pietroburgo, 12 novembre 1833 – San Pietroburgo, 27 febbraio 1887)

Aleksandr Porfir'evič Borodin è stato un medico, chimico organico e compositore russo.
Era figlio illegittimo del principe georgiano Luka Stepanovič Gedianov, un luogotenente in pensione dell'esercito russo, e di Evdokija Konstantinovna Antonova, amante 24enne del principe. Il padre naturale, poichè già sposato, fece dichiarare il bambino figlio del suo servo Porfiri Borodin, per riconoscerlo poi come suo figlio poco prima di morire.
Borodin crebbe con la madre a San Pietroburgo in un agiato ambiente familiare, ricevette una buona istruzione generale e si rivelò eccezionalmente dotato, dato che imparò presto diverse lingue (come il tedesco, il francese, l'italiano e l'inglese) e già a nove anni suonava il pianoforte, il flauto e il violoncello.

Nel 1850, poco più che sedicenne, si iscrisse all'Università di medicina a San Pietroburgo, laureandosi nel 1856.
Nel 1862 ottenne una cattedra all'Accademia di San Pietroburgo, dove si dedicò da quel momento in poi ai suoi studi di chimica.
Dopo gli studi in Russia lavorò per un anno come chirurgo in un ospedale militare; Borodin lasciò poi il suo Paese per continuare la sua formazione scientifica in Europa occidentale.
Si trasferì a Heidelberg (in Germania) e divenne rapidamente un medico eminente, professore universitario e scienziato di fama europea; tutto il suo tempo libero, anche se poco, era invece dedicato alla musica.
Nel 1863 Borodin sposò la russa Ekaterina Protopopova, una brillante pianista, da cui ebbe tre figlie.
 
La vita di Borodin fu piuttosto caotica e concitata, tra il laboratorio per gli esperimenti chimici al pianoforte per comporre. Spesso non riusciva a completare i lavori musicali per le date stabilite e doveva ricorrere all'aiuto di qualcuno dei suoi amici compositori.
Nel 1864 si trovò con Milij Alekseevič Balakirev, e tramite costui conobbe César Cui, Modest Musorgskij e Nikolaj Rimskij-Korsakov, divenne così l'ultimo membro del cosiddetto "gruppo dei cinque", insieme di musicisti il cui stile musicale, epico e romantico, può essere paragonato a quello di Richard Wagner, in quanto impegnato nel recupero della tradizione musicale russa in contrapposizione all'accademismo occidentale.

Nel 1869 venne rappresentata la Prima Sinfonia di Borodin, diretta da Balakirev, e, nello stesso anno, Borodin iniziò a lavorare alla sua opera Il principe Igor. Considerata il suo lavoro più significativo, restò incompiuta fino alla morte dal compositore (vi lavorò quindi 17 anni) a causa del sovraccarico di lavoro di Borodin come ricercatore scientifico.
Il Principe Igor venne in seguito completato da Aleksandr Glazunov e da Nikolaj Rimskij-Korsakov e adattato per orchestra. Appartengono a quest'opera le famose Danze Polovesiane.
Incompleta restò anche una Terza Sinfonia di Borodin, a cui Glazunov contribuì con un completamento postumo.
La Seconda Sinfonia fu, invece, un iniziale fiasco, ma quando Franz Liszt nel 1880 in Germania ne organizzò una seconda esecuzione Borodin arrivò ad una certa fama anche al di fuori della Russia.
Altre sue opere, tra le principali, sono: il poema sinfonico Nelle steppe dell'Asia centrale, l'opera in 5 atti Bogatyri, quartetti per oboe, pianoforte, viola e violoncelli che riprendono temi di Franz Joseph Haydn, altre danze, quartetti, quintetti, serenate.

Verso la fine della sua vita Borodin soffrì più volte per le conseguenze di un'infezione di colera e per complicazioni cardiache.
Il 27 febbraio 1887 partecipò tuttavia ad un ballo della sua accademia, ove morì per infarto, nel pieno dei festeggiamenti.
Venne sepolto nel Cimitero Tichvin del Monastero di Aleksandr Nevskij, a San Pietroburgo.

Borodin è stato spesso definito il più originale fra i compositori russi, con la capacità di unire, nelle sue frasi musicali, profondità espressiva e linearità melodica.
Questo nonostante per lui la musica fosse solo un "passatempo, come un riposo dalle sue occupazioni più serie". Tuttavia a livello mondiale Borodin divenne famoso non tanto come naturalista quanto come compositore.

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
Proprietà dell'articolo
creato:giovedì 7 agosto 2008
modificato:mercoledì 14 gennaio 2009