Cerca nel sito

Altri brani da Paolo Coruzzi

    • PAOLO CORUZZI
    • PAOLO CORUZZI
    • PAOLO CORUZZI
    • PAOLO CORUZZI
    • PAOLO CORUZZI
    • PAOLO CORUZZI
    • PAOLO CORUZZI
    • PAOLO CORUZZI
    • PAOLO CORUZZI

Altri brani di questo genere

    • FABIO BIDINELLI
    • FABIO BIDINELLI
    • FABIO BIDINELLI
    • Giorgio Marchini
    • Giorgio Marchini
    • Giorgio Marchini

Visualizza altro

Immagini

FUORIVIA

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
CompositorePaolo Coruzzi
Autore testiPaolo Coruzzi
EsecutorePaolo Coruzzi
Data esecuzione01/07/2011
Luogo esecuzioneSansepolcro - Torino
GenerePop / Musica Leggera
ProvenienzaPaolo Coruzzi
Aggiungi al MagPlayer

FUORIVIA (Paolo Coruzzi)

Seduto qui e aspetto
da solo qui e osservo
il lento spegnersi arreso delle città.

Un altro sorso stanco,
un altro abbaglio, un lembo
spiegato e umido che sa di oscurità.

E cerco ancora di mostrarti com'è semplice
guardare placido questo mare fuorivia
e accompagnarsi a un suono flebile di foglie d'oro, scaglie d'oro
oscillanti di sotto a questa melodia.

E ancora un po' di tempo
soltanto un po'

Per svanire in un momento
per salpare controvento
con vele immense e aria,
che mi sollevi lentamente
mi capovolga tra le onde,
e strabiliata è l'anima.

Ancora fumo e flette,
piega il pensiero e assente,
si fa irriconoscibile e afferra il buio e si sottrae

distante nel respiro un gemito,
un pianto breve, un gesto greve di nostalgia.

E cerco ancora di mostrarti com'è semplice
solcare indenni questo mare fuorivia,
e arrampicasi a suono labile di sassi d'oro, rami d'oro,
marcati dal mio passo sulla via.

Commenti

Questo brano ha

Proprietà dell'articolo
creato:lunedì 26 settembre 2011
modificato:lunedì 26 settembre 2011