Cerca nel sito

Esplora>Esecutori

Brani di Stefano Benni

Visualizza altro

Altri brani di questo genere

    • Fabio Zeppetella
    • Fabio Zeppetella / Fabio Zeppetella / Fabio Zeppetella
    • Fabio Zeppetella

Visualizza altro

Stefano Benni

(Bologna, 12 agosto 1947)

Stefano Benni, scrittore e giornalista, ha iniziato a pubblicare negli anni '80 le sue prime opere, subito giudicate fra le migliori della narrativa italiana contemporanea.
Dopo la raccolta di poesie satiriche "Prima o poi l'amore arriva" (1976, ripubblicato nel 1981), è la volta del romanzo satirico-fantascientifico "Terra!" (1983) che lo pone all'immediata attenzione della critica europea. Con "I meravigliosi animali di Stranalandia" (1984, con i disegni di Pirro Cuniberti), si avvicina alla linea fantastica-ironica di Gianni Rodari; tenta poi il romanzo più impegnato con "Comici spaventati guerrieri" (1986), una critica dell'assurda condizione di vita nelle metropoli.

Prima di questo periodo Benni aveva però già dato alle stampe la raccolta di corsivi e poesie satiriche "Non siamo Stato noi" (1978) per l'editore Savelli; con Arnoldo Mondadori pubblicò " La tribù di Moro seduto" nel 1977 e "Spettacoloso" nel 1981. Per Il Manifesto, invece, Benni scrisse "Il Benni furioso" (1979) ed "Il ritorno del Benni furioso" (1986).

Una bellissima raccolta di racconti è "Il bar sotto il mare" (1987), in cui Benni fa la parodia dei modi tipici di scrittura, secondo le mode letterarie contemporanee e del passato. Altre raccolte di racconti di grande successo sono "Bar sport" (1997), "Bar sport duemila" (1997) e "Blues in sedici"(1998).

I lavori successivi di Benni hanno continuatno a dipingere, con il tratto ormai tipico e riconosciuto dell'autore, l'immagine dei vizi e delle corruzioni dell'Italia, con risvolti immancabilmente comici ed incredibili.
Queste sono alcune delle altre sue pubblicazioni: "Baol" (1990), "La compagnia dei Celestini" (1992), "Ballate" (1991), "Dottor Niù: corsivi diabolici per tragedie evitabili" (2001), "Spiriti" (2000), "Saltatempo" (2001), "Achille piè veloce" (2003) e "Margherita Dolcevita" (2005).

Dal 1998 al 1999 ha diretto la collana editoriale "Ossigeno", per la quale è comparso anche come autore del racconto "Il più veloce del cosmo", all'interno dell'"Albo avventura n.1" (1998), nonché nell'inedito ruolo di fumettista nell'"Albo avventura n.2" (1999).

Oltre che scrittore e poeta, Stefano Benni è un brillante giornalista; nella sua lunga carriera ha collaborato con il settimanale L'Espresso, con Cuore (poi con Tango), con Panorama e con il mensile Linus.
Intellettuale multiforme, ha curato la regia e la sceneggiatura del film "Musica per vecchi animali" (1989), ha scritto e scrive per il teatro; suoi testi sono stati pubblicati nei volumi: "Teatro" (1999),"Teatro 2" (2003) e ha allestito con il musicista Paolo Damiani lo spettacolo di poesia e jazz, "Sconcerto" (1998).
È ideatore della "Pluriversità dell'Immaginazione" e dal 1999 cura la consulenza artistica del festival internazionale del jazz Rumori Mediterranei che si svolge ogni anno a Roccella Jonica.

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
Proprietà dell'articolo
creato:martedì 23 marzo 2010
modificato:martedì 14 febbraio 2017