Cerca nel sito

Esplora>Esecutori

Brani di Jakub Tchorzewski

    • Sándor Veress
    • Sándor Veress
    • Sándor Veress / Sándor Veress

Visualizza altro

Altri brani di questo genere

    • Kalkbrenner Friederick
    • Kalkbrenner Friederick
    • Kalkbrenner Friederick
    • Witold Lutosławski
    • Witold Lutosławski / Witold Lutosławski / Witold Lutosławski
    • Witold Lutosławski

Visualizza altro

Jakub Tchorzewski

(Varsavia - Polonia, 1981)

Il pianista polacco Jakub Tchorzewski, attivo sia come solista che nell'ambito della musica da camera, si è esibito in diversi stati europei e nordamericani, così come in Giappone e in Brasile.

È stato invitato a suonare durante importanti festival musicali in Italia (Bologna Festival, Festival pianistico di Roma, Incroci di civiltà, Verdi Festival), Polonia (Chopin-Transgresje) e Svizzera (Veress 2007, Biennale Bern) e presso istituzioni musicali come il Kultur-Casino di Berna e le Filarmoniche di Varsavia, Cracovia, Opole e Leopoli. Le sue esecuzioni sono state registrate e trasmesse dalle radio nazionali di Polonia, Svizzera, Slovacchia e Repubblica Ceca.

Si è esibito, fra l'altro, presso il Teatro La Fenice di Venezia, il Teatro Regio di Parma, il Teatro A. Bonci di Cesena, il Teatro Sociale di Bergamo, la Fondazione Cini di Venezia, la Filarmonica di Trento e l'Auditorium Pollini di Padova. In veste di finalista del 55° Washington Piano Competition, nel maggio 2008 il pianista ha suonato presso il Kennedy Center di Washington DC (USA). Riguardo a tale esecuzione "The Washington Post" ha scritto: "Jakub Tchorzewski, 27 anni, polacco, ha fatto sfoggio d'immaginazione in brani dai Quadri di un'esposizione di Musorskij e in un energico movimento dalla Sesta sonata di Prokof'ev".

Il CD d'esordio dell'interprete, prodotto dalla casa discografica Musiques Suisses, ha registrato un ampio apprezzamento da parte della critica musicale: "Die Neue Zeitschrift für Musik", in particolare, gli ha assegnato il massimo punteggio per l'interpretazione musicale e la scelta del repertorio. Il disco è il primo nella storia della fonografia a presentare l'opera completa per pianoforte solo di Sándor Veress, compositore ungherese naturalizzato svizzero, allievo di Béla Bartók e Kodály e insegnante di György Ligeti, György Kurtág e Holliger.

Jakub Tchorzewski è stato premiato in diversi concorsi pianistici internazionali (55° Washington International Competition for Piano, 2° Louisiana International Piano Competition, ArtLivre Chopin/Liszt International Piano Competition, 3° Andorra International Piano Competition).

Oltre all'attività solistica, è intensamente impegnato nell'ambito della musica da camera: ha collaborato, tra gli altri, con i violinisti Jakub Jakowicz, Maria Oldak e Bettina Mussumeli, i violisti Jodi Levitz e Leszek Brodowski, il cornista Henryk Kowalewicz, i flautisti Jadwiga Kotnowska, Carlo Tamponi e Maurizio Bignardelli e i clarinettisti Nicolas Fargeix, Ludmila Peterkova, Tim Phillips e Radoslaw Soroka. Nel 2010, insieme con il clarinettista Francesco Toso e il violoncellista Luca Paccagnella, ha inciso un disco con i trii di Johannes Brahms e Michail Glinka.

Laureatosi con lode in pianoforte e pedagogia presso l'Università di Musica "F. Chopin" di Varsavia (Polonia), all'artista, in quanto beneficiario di una borsa di studio della Confederazione Elvetica, è stata offerta la possibilità di continuare gli studi presso la Bern University of the Arts (Svizzera), dove dopo due anni ha conseguito il diploma solistico in pianoforte (Solistendiplom). Il generoso supporto della Kosciuszko Foundation gli ha poi permesso di perfezionarsi con Mack McCray presso il San Francisco Conservatory of Music, dove ha conseguito il Professional Studies Diploma.

Accanto agli impegni concertistici, Jakub Tchorzewski svolge una ricca attività didattica: ha lavorato come insegnante di pianoforte e accompagnatore presso la Scuola di Musica "F. Chopin" di Varsavia ed è stato professore a contratto presso l'Accademia di Musica "G. Bacewicz" di Lodz (Polonia). Inoltre ha collaborato con il Conservatorio "O. Respighi" di Latina e con il Conservatorio "J. Tomadini" di Udine.

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 25 luglio 2012
modificato:martedì 14 febbraio 2017