Cerca nel sito

Esplora>Compositori

Brani di Carlos Gardel

Altri brani di questo genere

    • Augstín Lara / Augstín Lara / Augstín Lara
    • Augstín Lara / Augstín Lara / Augstín Lara / Augstín Lara / Augstín Lara
    • Augstín Lara
    • TubuSinFabula
    • TubuSinFabula
    • TubuSinFabula
    • Daniella Firpo
    • Daniella Firpo
    • Daniella Firpo
    • Tomatito
    • Tomatito / Tomatito
    • Tomatito

Visualizza altro

Carlos Gardel

(11 dicembre 1890 o 1887 – 24 giugno 1935)

Attore, cantante e compositore argentino, maestro nel genere del tango.

Il luogo e la data di nascita di Gardel sono tutt'ora incerti (c'è chi sostiene che sia nato l'11 dicembre a Tolosa, altri in Uruguay nel 1887). Certi sono invece data e luogo della morte, avvenuta nel 1935 a Medellín, in Colombia.

Gardel trascorse l'infanzia in Uruguay e la sua gioventù fra Montevideo e Buenos Aires. Abbandona gli studi nel 1906, perché ha una bella voce di baritono e la sua passione è il canto.
Inizia a frequentare così le quinte dei teatri, lavora anche come macchinista teatrale, (forse conosce l'importante cantante e musicista Arturo de Nava che gli avrebbe insegnato le tecniche del canto e della chitarra).

Nel 1911 col cantante José Razzano, forma un duo che diviene un trio nel 1912 con il chitarrista Francisco Martino. Il trio partecipa a spettacoli canori e Gardel incide per la Casa Taggini i suoi primi dischi di canzoni popolari argentine:  estilos, zambas, cifras, tonadas, milongas.
Nel 1913, con l'apporto del cantante Saúl Salinas, il trio diviene un quartetto che si esibisce anche nella provincia di Buenos Aires, ma presto Salinas lascia il gruppo che prende così il nome di Terceto Nacional.

L'8 gennaio 1914 Gardel e Razzano debuttano al Teatro Nacional di Buenos Aires e via via nei diversi teatri della capitale e delle maggiori città argentine. Nel 1915 debuttano al Teatro Royal di Montevideo, e vanno in tournée in Brasile dove conoscono il famoso tenore italiano Enrico Caruso.

In una rissa, alla fine del 1915, Gardel viene raggiunto da un colpo di pistola che gli rimarrà nel polmone sinistro per tutta la vita. Ristabilitosi, nel 1916 si esibisce con Razzano a Mar del Plata.
Nel 1917, per la prima volta, mette in repertorio un tango, cantando al Teatro Empire di Buenos Aires, Mi noche triste, di Samuel Castriota e Pascual Contursi, (versificato in lunfardo, il gergo dei bassifondi di Buenos Aires). Da allora inciderà più di 900 tanghi. Il 9 aprile incide dischi per la Casa Glücksmann, ed è protagonista del film "Flor de durazno" (Fiore di pesca): è il primo film del cinema argentino, le musiche sono di Gerardo Matos Rodríguez.

Dal 1921, il trio, insieme ad altri musicisti sono in turnée in Uruguay, in Brasile, in Europa, dove debuttando nel Teatro Apolo di Madrid. Nel 1924 Gardel a Buenos Aires canta per la Radio LOW Gran Splendid, incide con l'orchestra di Francisco Canaro e l'anno dopo con quella di Osvaldo Fresedo.
Lì vi tornerà dopo essere stato in Francia e in Italia nel 1929.

Nel 1933 si esibisce in Argentina e in Uruguay e in novembre è ancora in Europa da dove parte per gli Stati Uniti dove a dicembre è protagonista di trasmissioni radiofoniche e partecipari a vari film. Successivamente lavora per incidere brani di tango, così nel 1934 escono Cuesta abajo, Mi Buenos Aires querido, Soledad, Volver; e nel 1935, Por una cabeza, Sus ojos se cerraron, Volvió una noche, El día que me quieras.

Nell'aprile inizia una nuova tournée per Porto Rico, il Venezuela e la Colombia: qui, il 24 giugno 1935, all'aeroporto di Medellín, il suo aereo, mentre si prepara a decollare, si scontra con un altro aereo fermo nella pista, con i motori accesi. Carlos Gardel muore carbonizzato e con lui perdono la vita i suoi chitarristi Guillermo Barbieri e Angel Domingo Riverol e il paroliere Alfredo Le Pera.
Otto mesi dopo la salma viene rimpatriata a Buenos Aires.

Il suo mausoleo nel cimitero della Chacarita di Buenos Aires è invaso di ex voto e quotidianamente gli altoparlanti diffondono la sua voce. Un rito paesano vuole che la sigaretta della statua sulla tomba sia sempre accesa.
Nel 2003 l'Unesco ha dichiarato la voce di Carlos Gardel Patrimonio Culturale dell'Umanità.

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
Proprietà dell'articolo
creato:venerdì 7 novembre 2008
modificato:mercoledì 12 novembre 2008