Cerca nel sito

Altri brani da Cristian Gentilini

    • Gentilini Cristian
    • Gentilini Cristian
    • Gentilini Cristian

Visualizza altro

Altri brani di questo genere

    • Jean-Luc Hervé
    • Jean-Luc Hervé
    • Jean-Luc Hervé

Visualizza altro

Distortion

(elaborazione delle variazioni Goldberg VI e VII di J.S. Bach)

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
CompositoreGentilini Cristian
EsecutoreFontanaMixensemble
Data esecuzione19/10/2010
Luogo esecuzioneReggioEmilia Teatro Valli
GenereMusica Classica / Contemporanea
ProvenienzaCristian Gentilini
LicenzaTutti i diritti riservati
Aggiungi al MagPlayer

Il titolo di questa elaborazione delle variazioni Goldberg VI e VII di J. S. Bach, è tratto dalla serie fotografica Distortion (1933) di André Kertész. In questa opera il grande artista ungherese fotografò il corpo delle sue modelle, Hajinskaya Verackhatz e Nadia Kasine riflesso in uno specchio deformante. Nella mia composizione l’ensemble strumentale agisce sulla sonorità clavicembalistica originale come questo specchio. Le linee melodiche del contrappunto bachiano vengono riverberate dagli strumenti e deformate nei loro parametri strutturali: durata, registro, timbro, ecc. La composizione è stata commissionata dal FontanaMixensemble per il progetto GoldBach, dove clavicembalo delle Variazioni Goldberg in dialogo con le elaborazioni per ensemble ed elettronica di alcuni giovani autori della scena contemporanea italiana.

Bach costituisce uno stimolo musicale che non dà segni di esaurimento e sembra diventare sempre più moderno a dispetto del tempo che passa. "Variazioni sulle variazioni" dunque, in un concerto cameristico con elettronica in cui l'esecuzione dell'originale bachiano si intreccia alle elaborazioni che ne trasferiscono la densità contrappuntistica, la varietà di modi, forme e gesti sonori, nell’ampio, sofisticato, a volte contraddittorio, sempre imprevedibile paesaggio del sound contemporaneo.

Commenti

Questo brano ha

Proprietà dell'articolo
creato:giovedì 2 dicembre 2010
modificato:giovedì 2 dicembre 2010