Cerca nel sito

Altri brani da caffèdeitrenipersi

    • Caffè dei treni persi
    • Caffè dei treni persi
    • Caffè dei treni persi

Altri brani di questo genere

    • Maria Teresa Lonetti
    • Maria Teresa Lonetti
    • Maria Teresa Lonetti
    • Andrea Alessi
    • Andrea Alessi / Andrea Alessi / Andrea Alessi / Andrea Alessi / Andrea Alessi / Andrea Alessi
    • Andrea Alessi
    • Ij Servaj
    • Ij Servaj
    • Andrea Alessi - compositore / Andrea Alessi - compositore
    • Andrea Alessi - compositore / Andrea Alessi - compositore / Andrea Alessi - compositore / Andrea Alessi - compositore / Andrea Alessi - compositore / Andrea Alessi - compositore
    • Andrea Alessi - compositore
    • Casadei
    • Casadei
    • Casadei

Visualizza altro

Immagini

il barbiere di Sicilia

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
CompositoreLoro Francesco
Autore testiLoro Francesco
Esecutorecaffè dei treni persi
Data esecuzione23/03/2013
Luogo esecuzioneBologna
EtichettaDischi persi/autoproduzione
GenereWorld Music / Folk
Provenienzacaffèdeitrenipersi
LicenzaTutti i diritti riservati
Aggiungi al MagPlayer

Spettabili signori e incantevoli signore io sono Figaro Francesco.

In arte son barbiere, sono il meglio del quartiere, per qualcuno di tutta la Sicilia.

Barbiere di Sicilia, non ho detto Siviglia.

 

Che se fossi di Siviglia avrei forse meno baffi, ma di sicuro meno gatte da pelar.

Se qualcuno se ne infischia, qualcun altro prende schiaffi, mentre quello i baffi non se li fa più.

Perché ha visto un po’ troppo e ha parlato troppo.

 

Io taglio, accorcio spunto e liscio, i baffi ve li sfoltisco,

son Francesco Figaro.

 

Si accomodi allo specchio, le slaccio la cravatta, la schiumo  e ho il rasoio da affilar.

È solo un batter d’occhio e la barba è già disfatta, rimangon baffi e pizzo da spuntar.

Si guardi ora allo specchio: non sembra meno vecchio?

 

Come dice? non comprendo. Ma se gliel’ ho pur lasciato: le ho solo rifinito un po’ il mento!

Lei vuole il suo compendio? E il pizzo restituito? Ma vede è finito sul pavimento.

Davvero non capisco! Mi paghi o chiamo il fisco!

 

Io taglio, accorcio spunto e liscio, il pizzo ve lo sfoltisco,

Son Francesco Figaro.

 

Io taglio, accorcio spunto e liscio, Il pizzo ve lo sfoltisco,

 ma non ve lo pagherò.

Commenti

Questo brano ha

Proprietà dell'articolo
autore:Giacomo Rubin
creato:venerdì 4 settembre 2015
modificato:venerdì 4 settembre 2015