Cerca nel sito

Esplora>Esecutori

Brani di Katia Pesti

Altri brani di questo genere

    • matteo donati
    • matteo donati
    • matteo donati
    • andrea recchia
    • andrea recchia
    • andrea recchia

Visualizza altro

Katia Pesti

Diplomata nel 1985 in pianoforte presso il Conservatorio "F. Cilea" di Reggio Calabria sotto la guida del M° Roberto Bianco, Katia Pesti ha frequentato il corso di perfezionamento pianistico tenuto dal M° Guido Agosti presso l'Accademia Chigiana di Siena.

Interessata agli esiti terapeutici della musica, si è diplomata in Musicoterapia presso il CEP di Assisi e parallelamente ha frequentato il corso triennale di danzaterapia presso la scuola civica di Milano sotto la guida della ballerina coreografa Maria Fux.
In seguito si è dedicata allo studio delle percussioni, frequentando i corsi tenuti dal M° C. Hamouy (direttore dei percussionisti di Strasburgo).
Con il compositore Cipriani, conosciuto all'Istituto di musica "V. Bellini" di Catania, ha intrapreso poi gli studi di musica elettronica.

In Indonesia si è appassionata alla musica asiatica e ha studiato il Gamelan balinese. Gli esiti di questo percorso hanno portato Katia Pesti a ideare un sistema compositivo in cui elementi del linguaggio classico si fondono con le sonorità pan etniche, grazie a particolari incastri minimalisti, arricchiti dalle timbriche delle percussioni, spaziando dall'uso dei caratteristici Rejong balinesi alle piastre sonore degli xilofoni.
Ha, inoltre, sviluppato una tecnica esecutiva che le consente di suonare simultaneamente pianoforte e percussioni.

Katia Pesti ha intrapreso negli anni '90 un'attività di compositrice in cui affianca il repertorio di musica classica a esperienze di musica etnica e sperimentale; collabora, inoltre, anche con gruppi di ambito jazz-rock.

Le sue musiche sono raccolte in due CD finora pubblicati: "Terra Celeste" (per l'etichetta FolkClub EthnoSuoni) e l'autoproduzione "Pietra d'Acqua".

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
Sito web:www.katiapesti.com
Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 26 ottobre 2011
modificato:martedì 14 febbraio 2017