Cerca nel sito

Esplora>Esecutori

Brani di Beatrice Antolini

Altri brani di questo genere

    • Marco Tascone
    • Marco Tascone
    • Marco Tascone

Visualizza altro

Beatrice Antolini

(Macerata, 1982)

Beatrice Antolini inizia a suonare il pianoforte all'età di tre anni. Si iscrive al Conservatorio della sua città e partecipa a concorsi internazionali di musica classica.

Nel frattempo si appassiona anche al basso e alla batteria, e inizia a suonare e sperimentare nuovi suoni in gruppi rock locali.

Nel 2001 Beatrice compone musiche per pièces teatrali grazie alla collaborazione con la compagnia Teatro Colli di Bologna.

Nel 2006 pubblica il primo album "Big Saloon" per l'etichetta Madcap Collective. Nell'ottobre del 2008 esce il secondo album, "A Due" pubblicato su etichetta Urtovox. Mentre oltre tre anni più tardi è la volta di "Bioy" (Urtovox 2011), in cui Beatrice si autoproduce, suona e registra di getto tutti gli strumenti.

Nel 2006 sull'onda di "Big Saloon" iniziano le prime collaborazioni con Marco Fasolo dei Jennifer Gentle e come ospite negli album dei Baustelle e di Bugo. Andy dei Bluvertigo collabora poi nel suo album "Bioy".

Nel 2009 partecipa alla compilation "Il Paese è Reale", progetto veicolatore dell'omonimo brano degli "Afterhours", con "Venetian Hautboy", che entra nella programmazione di Radio Rai 1, e porta Beatrice sul palco del 1° Maggio in piazza San Giovanni a Roma. Il 2009 la vede in scena per importanti rassegne e prestigiosi festival: il Moog Fest Europe di Roma, Italia Wave allo stadio di Livorno, il Festival delle Passioni di Mantova, Musicultura di Macerata e Pianohour organizzato da Musicus Concentus alla Sala Vanni di Firenze.

A suggello arriva il premio PIMI come miglior artista solista del 2009, che le verrà assegnato il 27 novembre 2009 a Faenza in occasione dell'annuale meeting e l'invito da parte di Sonicvisions a partecipare ad un'importante manifestazione di musica italiana presso la prestigiosa RockHal lussemburghese.

Nel corso del 2011, durante alcune date in Sardegna, Beatrice viene notata dalla grande Lydia Lunch (storica esponente della no-wave newyorkese) che le propone di accompagnarla nel neonato progetto live "Sister Assasin" in compagnia della talentuosa sassofonista californiana Jessie Evans.

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
Sito web:www.beatriceantolini.it
Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 17 settembre 2014
modificato:martedì 14 febbraio 2017