Cerca nel sito

Esplora>Compositori

Brani di Thelonious Monk

Visualizza altro

Altri brani di questo genere

    • Fisher Carl & Carey Bill
    • Fisher Carl & Carey Bill / Fisher Carl & Carey Bill / Fisher Carl & Carey Bill / Fisher Carl & Carey Bill / Fisher Carl & Carey Bill
    • Fisher Carl & Carey Bill
    • Andrea Dessì, Massimo Tagliata
    • Andrea Dessì, Massimo Tagliata
    • Andrea Dessì, Massimo Tagliata

Visualizza altro

Thelonious Monk

(North Carolina, 10 ottobre 1917 - 17 febbraio 1972)

Thelonious Monk nacque a Rocky Mountain, in North Carolina, ma nel 1922 la sua famiglia si trasferì a Manhattan. Il giovane Thelonious si dedicò inizialmente alla musica e allo studio del pianoforte da autodidatta, ma ben presto questa diventò la sua principale occupazione. Abbandonati gli studi, non ancora ventenne, iniziò a cercare lavoro come musicista jazz.
Nel 1941, con tutta probabilità, fu al Minton's Place, leggendario club di Manhattan, dove partecipò alle celebri competizioni che hanno portato al successo tanti pianisti solisti.

Thelonious Monk è universalmente considerato l'inventore del bebop: il suo stile unico veniva definito in quegli anni "hard-swinging".
Fra le sue fonti di ispirazione troviamo senza dubbio Duke Ellington; fra i suoi collaboratori gli altri grandi esponenti del bebop: Dizzy Gillespie, Kenny Clarke, Charlie Parker.

Nel 1944 incise i primi brani con il Coleman Hawkins Quartet, e avviò con Hawkins una duratura collaborazione, che li porterà a incontrarsi nuovamente nel 1957 in una sessione di registrazione con John Coltrane.
Dal 1947 fino al 1952 Monk registrò per la Blue Notes, quindi firmò un contratto con la Prestige Records per i successivi due anni.
Passò quindi alla Riverside e alla Columbia Records, ma la sua musica continuò a essere considerata troppo difficile per il grande pubblico di allora e restò confinata all'ambito colto.

Thelonious Monk morì di arresto cardiaco nel febbraio 1982, dopo un lungo periodo di assenza dalle scene.
Fra le sue opere più riuscite ci sono gli album "Brilliant Corners" (1956), "Monk's Dream" (1964) e "Monk's Blues" (1968).

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
Proprietà dell'articolo
creato:martedì 4 agosto 2009
modificato:martedì 3 novembre 2009