Cerca nel sito

FreeZone>ManìnBlù

Altri brani da ManìnBlù

    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani
    • Alberto Padovani

Visualizza altro

Altri brani di questo genere

    • Alberto Massazza/Paolo Floris
    • Alberto Massazza/Paolo Floris
    • Alberto Massazza/Paolo Floris
    • alessandro malaguti, emanuele cosmi, luca cosmi
    • alessandro malaguti, emanuele cosmi, luca cosmi
    • alessandro malaguti, emanuele cosmi, luca cosmi
    • Laura Rebuttini, Giulio Vetrone
    • Laura Rebuttini, Giulio Vetrone

Visualizza altro

Immagini

La stanza del pescatore

(un elogio della creatività)

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
CompositoreAlberto Padovani
Autore testiAlberto Padovani
EsecutoreManìnBlù
Data esecuzione14/06/2011
Luogo esecuzioneParma
EtichettaEdicta
Data di pubblicazione2011
GenerePop
ProvenienzaManìnBlù
Aggiungi al MagPlayer

LA STANZA DEL PESCATORE

La sua casa era così vicina al mare
Che Tino pescava i pesci direttamente dal davanzale
Passava i giorni nella sua stanza
Dormiva e pescava ed erano giorni di grande raccolta
La sua casa stava dritta in riva al fiume
E la sua stanza era piena di pesci, già di prima mattina

Li prendeva e li vendeva
Senza togliersi il pigiama
Nella sua camera c’era un mercato
E tanta gente che neanche in strada
Di gente che andava e comprava felice
il suo magico pesce

e La sua stanza era chiamata la stanza del pescatore
La sua stanza era la stanza del pescatore
Era di blu oltremare la stanza del pescatore

D.D.D.D.D.Day…     D.D.D.D.D.Day…

La sua casa costruita in riva al lago
Era quasi una grande barca attraccata
Mentre Tino viaggiava di notte e al tramonto
Sentiva le voci lontane del porto
E gli piaceva pensare che al suo risveglio
Avrebbe avuto visite di donne e giovani del posto

e La sua stanza era chiamata la stanza del pescatore
Con un soffitto di stelle la stanza del pescatore
Con i coralli ai muri la stanza del pescatore

Non si seppe mai il segreto
E non si potè dare un divieto
Così Tino continuò a pescare per i lunghi anni a venire
Senza mai navigare

Commenti

Questo brano ha
  • Alberto dice:
    Grazie a te Luca! Avevo già risposto ma... puff Speriamo che non sparisca anche questo commento. Ci si vede il 18 alla Scuola Genovese.
    Postato sabato 13 aprile 2013
  • Luca Rinaldoni dice:
    Ho già avuto occasione di dirtelo di persona quando ci siamo incontrati alla lectio magistralis di Rocco sul suo vate Francesco Guccini: questa non è una semplice canzone, è una novella di Italo Calvino e Tino in qualche modo è il Marcovaldo del 2000, il magico alfiere di una decrescita a chilometri zero che, con l'aiuto di piccoli eroi della quotidianità come Tino, sarebbe quasi possibile e di giovamento per l'intera umanità. Sinceri complimenti.
    Postato mercoledì 7 novembre 2012

Proprietà dell'articolo
creato:lunedì 28 novembre 2011
modificato:lunedì 28 novembre 2011