Cerca nel sito

Esplora>Esecutori

Brani di Miriam Prandi

    • Paul Hindemith
    • Paul Hindemith
    • Paul Hindemith
    • Paul Hindemith
    • Paul Hindemith
    • Paul Hindemith
    • Pēteris Vasks
    • Pēteris Vasks
    • Pēteris Vasks

Visualizza altro

Altri brani di questo genere

    • Misato Mochizuki
    • Misato Mochizuki / Misato Mochizuki / Misato Mochizuki / Misato Mochizuki / Misato Mochizuki / Misato Mochizuki / Misato Mochizuki / Misato Mochizuki
    • Misato Mochizuki

Visualizza altro

Miriam Prandi

(Mantova, 1990)

All'età di undici anni, ben prima dei Diplomi di pianoforte e di violoncello, conseguiti rispettivamente a quindici e sedici anni con il massimo dei voti, lode e menzione speciale al Conservatorio di Mantova, Miriam Prandi viene eccezionalmente ammessa a frequentare i Corsi di violoncello di Antonio Meneses presso l'Accademia Chigiana di Siena. Giovanissima viene ammessa anche all'Accademia Pianistica Internazionale "Incontri col Maestro" di Imola e successivamente alla Scuola di Musica di Fiesole dove affronta il repertorio cameristico con Andrea Lucchesini.

Dopo gli studi con Marianne Chen, si è perfezionata a Vienna con Natalia Gutman e successivamente nel 2014 come borsista della Fondazione Ambrosoli e della Fondazione Lyra, ha concluso gli studi del Master in Solismo con Lode all'Hochschule di Berna nella Classe di Antonio Meneses. Fondamentale poi è stato l'approfondimento tecnico-interpretativo maturato alla scuola di Ivan Monighetti, e le Masterclasses con Mario Brunello, Rocco Filippini, Sol Gabetta, David Geringas, Frans Helmerson, Gilad Karni, Ralph Kirshbaum.

Vincitrice di varie edizioni della Rassegna Violoncellisti di Vittorio Veneto, nel 2004 si è imposta al Concorso Geminiani, aggiudicandosi l'assegnazione di un importante violoncello. Nel 2006 le è stato conferito a Roma il Premio Muzio Clementi dell'Associazione Musicale omonima.

Nel gennaio 2014 la giovane violoncellista è premiata, da una giuria di importanti musicisti presieduta dalla violoncellista Sol Gabetta, con il Primo Premio assoluto, unico assegnato nell'ambito delle quattro categorie per archi, al Rahn Musikpreis di Zurigo. La vittoria la porta ad eseguire il concerto di Antonín Dvorák alla Tonhalle di Zurigo.

Nella duplice veste di pianista e di violoncellista, ha eseguito i concerti K 595 di Mozart e in Do di Haydn agli Incontri Internazionali di Asolo, al Teatro Bibiena di Mantova e al Teatro Sociale di Bergamo. Nel Novembre 2011, come giovane talento italiano, è stata presente con un concerto durante i Cultural Days dell'European Union Bank a Francoforte in calendario insieme a famosi musicisti italiani come Abbado, Ughi e Bollani mentre nel Dicembre 2010 ha effettuato una tournée in Italia e Israele con l'OGI diretta da N. Paszkowski, interpretando la prima parte solistica del brano "Violoncelles vibrez..." di Giovanni Sollima, concerto poi trasmesso da Rai Radio Tre.

È frequentemente ospite con concerti al violoncello solo presso importanti sedi concertistiche come il Festival Piatti di Bergamo, gli Amici della Musica di Verona, il Teatro delle Muse di Ancona, l'Auditorium di Lingotto Musica di Torino, il Festival di Spoleto e in duo con pianoforte  ha suonato per gli Amici della Musica di Lucca, l'Accademia Filarmonica di Bologna, la Società Umanitaria di Milano, ecc. All'estero si è esibita anche negli USA (San José, Santa Clara University Hall – CA, New York University); in Svizzera (tra cui il Gstaad Menuhin Festival dove ritornerà nella stagione 2016 come solista con la Gstaad Festival Orchestra); in Francia, Germania, Lituania; con orchestre come Orchestra Sinfonica Siciliana, Argovia Philharmonic, Berner Symphonieorchester, Klaipeda Chamber Orchestra.

Violoncellista del delian::quartett è regolarmente ospite di importanti centri musicali come il Rheingau Musik Festival, la Tonhalle Zurich e la Konzerthaus Berlin. 

Per la musica da camera sono da segnalare le ripetute partecipazioni al Festival Internazionale 'Oleg Kagan Musikfest' di Kreuth, al Chamber Music Connects the World della Kronberg Academy, alla Gläserner Saal del Musikverein di Vienna, al Teatro la Pergola di Firenze, all'Accademia Chigiana a fianco di musicisti come Salvatore Accardo, Pietro De Maria, Natalia Gutman, Andrea Lucchesini, Pavel Vernikov.

L'interesse per la musica moderna e contemporanea l'ha spinta ad affrontare opere importanti quali la Sonata per cello solo di Sàndor Veress, le Variazioni Sacher di Dutilleux, le composizioni di Giovanni Sollima, R. Shchedrin e la Sonata di Fazil Say, quest'ultima presentata in prima esecuzione italiana agli Amici della musica di Lucca.

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
Sito web:www.miriamprandi.com
Proprietà dell'articolo
creato:lunedì 4 luglio 2016
modificato:martedì 14 febbraio 2017