Cerca nel sito

Brani da Conservatorio di Musica "Arrigo Boito"

    • Andrès Bernard
    • Andrès Bernard / Andrès Bernard / Andrès Bernard / Andrès Bernard
    • Andrès Bernard
    • Henry Purcell
    • Henry Purcell / Henry Purcell
    • Henry Purcell

Visualizza altro

Conservatorio di Musica "Arrigo Boito"

Parma

Il Conservatorio di Musica "Arrigo Boito" di Parma venne istituito nel 1877 dal Consiglio di Stato, che proclamò la Regia Scuola di Musica di Parma ente autonomo sotto l’assoluta dipendenza del Governo.
Un successivo decreto del 1888 statuiva una nuova denominazione dell’Istituto: Regio Conservatorio di Musica.
Tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento si registra un costante incremento di allievi e insegnanti, tra cui ricordiamo Arturo Toscanini, Ildebrando Pizzetti, Gian Francesco Malipiero, Achille Longo, Federico Mompellio, Michelangelo Abbado e negli anni ‘60 anche Claudio Abbado.

Alcune date importanti della storia del Conservatorio e dell’insegnamento musicale a Parma:

- 1769-1792: la Reale Direzione Generale de’ Spettacoli istituisce una Scuola de’ Cantanti, per preparare 16 allievi, uomini e donne, alle parti minori da eseguirsi in teatro.


- 1818-1888: la Duchessa Maria Luigia fonda la prima scuola pubblica di musica, istituita formalmente nel 1825, strutturata nel 1855 come sezione distinta dell’Ospizio delle Arti del Carmine e quindi come Regia scuola di musica. L’insegnamento, inizialmente rivolto al canto, fu ampliato a poco a poco a tutti gli strumenti dell’orchestra, anche in conseguenza della riforma dell’orchestra ducale proposta da Niccolò Paganini nel 1836.


- 1888-1999: grazie all’interessamento del sindaco Giovanni Mariotti (successivamente presidente del Conservatorio 1895-1901) e di Giuseppe Verdi la scuola pubblica statale del Ducato - la Regia scuola di musica, passa all’amministrazione dello Stato italiano prendendo il nome di Regio Conservatorio di musica, in seguito dedicato ad Arrigo Boito.


- 1999: la legge 508 del dicembre ’99 colloca il Conservatorio nel livello superiore della Formazione Artistica in Italia, nell’ambito del nuovo settore dell’Alta Formazione Artistica e Musicale. Si da così il via alla riforma degli studi artistici e musicali adeguandoli all’analogo settore universitario in Italia e in Europa.


- 2003-2004: viene approvato lo Statuto di Autonomia che prevede, oltre alla didattica, un ampio spazio istituzionale per la ricerca e la produzione musicale. Vengono attivati i Corsi Superiori di I e di II Livello pertinenti la scuola di Canto, di Jazz, di Composizione e quasi tutte le scuole di strumento già esistenti nel precedente ordinamento.

Magazzini Sonori
Proprietà dell'oggetto
Sito web:www.conservatorio.pr.it
Proprietà dell'articolo
creato:mercoledì 17 febbraio 2010
modificato:mercoledì 8 giugno 2011